Recensione: La piccola equilibrista

È venuto il momento di recensire quello che, secondo me, è finora il miglior libro che abbia avuto l’opportunità di leggere tramite il progetto che ormai ben conoscete. Parlo di La piccola equilibrista, di Stefano Vignati.

Titolo: La piccola equilibrista
Autore: Stefano Vignati
Genere: thriller, noir, horror
Editore: 0111
Pagine: 232
Anno di pubblicazione:  2011
ISBN: 9788863073928
Prezzo: €15,50 (eBook €9,90)
Formato: brossura
Valutazione:  

Ringrazio l’autore per avermelo inviato in formato ebook. 

Blog dell’autore, sito dell’editore, su aNobii, booktrailer su Youtube, leggi un estratto

Alessia è un’orfana capace di camminare in equilibrio sui fili del telefono. E a Nathaniel, titolare di un Circo, questa dote non può che ingolosire. Quando parte per rapirla si aspetta un’adolescente impaurita.
Niente di più sbagliato.
In un paesello di montagna che diventa un cupo labirinto di fughe e paure, di fronte a una bambina che si rivela essere tutt’altro di quanto pensassero, Nathaniel e il suo gruppo si trovano invischiati in una caccia senza tregua.
Una caccia che esige un solo vincitore. 

Non mi capita spesso di imbattermi in un libro che dopo neanche una decina di pagine mi facesse completamente dimenticare di trovarmi davanti all’opera d’esordio di un autore alle prime armi.
Anzi, vi dirò di più. Per La piccola equilibrista quasi dall’inizio alla fine il pensiero dominante era:

I casi sono due: o questo Vignati è un alieno, oppure mi ha raccontato una balla, perché non è statisticamente possibile che questo romanzo sia stato scritto da un esordiente.

La risposta che mi sono data dopo aver concluso la lettura è stata una via di mezzo: è improbabile che l’autore sia un alieno, quindi è per forza un esordiente, ma un qualche speciale “superpotere” lo deve avere per forza per essere riuscito a scrivere un libro così bello.
Più concretamente: pur essendo giovanissimo (ha solo cinque anni più di me), a quanto pare si è dato da fare parecchio nello studio delle tecniche narrative, o non sarebbe stato in grado di costruire un racconto che, a mio parere, è poco meno che un piccolo capolavoro.

A Fasterna, come ci narra la quarta di copertina, vive una ragazza la cui storia sembra oscillare da sempre tra la realtà e la leggenda: il suo nome è Alessia, e nonostante in apparenza sembri una semplice sedicenne, le sue abilità di camminare in perfetto equilibrio anche sui cavi del telefono e di percepire i pensieri e i sogni di chi le sta attorno non hanno eguali.
La sua fama raggiunge Nathaniel, proprietario senza scrupoli di un circo di bambini, che assolda due sicari, Vincent e Cordelia, e si mette insieme a loro e al collega Toretto in cerca della mitica equilibrista… ma Alessia è proprio la mocciosa inerme e ingenua che credevano, oppure nasconde qualcosa di misterioso e terribile? Sarà questo che i nostri protagonisti dovranno scoprire a loro spese, ma quando avranno svelato i suoi segreti sarà già troppo tardi.

Ma andiamo con ordine: come mai sono, per una volta, così entusiasta di un romanzo?
Quel che più mi ha colpito, ancor prima di scoprire i risvolti della trama (che conoscevo appena, avendo sbirciato solo in parte il riassunto) e il carattere dei vari personaggi, è stata la capacità dello stile di tenermi letteralmente incollata alle pagine – o meglio, allo schermo dell’iPad. Fin dalla primo capitolo la narrazione è serrata e lo stile brillante; anzi, trovo che abbia addirittura un che di ipnotico, di seducente, quasi di magico.
A formare una coppia assolutamente portentosa con esso, troviamo una trama che, nella sua semplicità, risulta originale e soprattutto congegnata nei minimi dettagli, in un modo che mi ha dato i brividi per tutta la durata della storia, e non solo: parecchie volte le scene mi apparivano davanti agli occhi così nitide e vive che mi sembrava di stare guardando un film, o addirittura di far parte di esse, come se anch’io fossi stata assoldata nella banda di malfattori che volevano rapire la piccola Alessia. Il tremito, la paura, la tensione che trasudano da ogni pagina erano, dunque, resi così bene da risultare autentici, quasi palpabili.

Riguardo ai nostri personaggi, un aspetto che mi è piaciuto molto di essi è che sia impossibile collocarli con precisione tra i protagonisti o tra gli antagonisti: tutti hanno uno scopo ben preciso, più o meno nobile e più o meno condivisibile, ma ciascuno, secondo il suo modo di vedere le cose, crede di essere dalla parte del giusto. Il problema, però, è che nemmeno il narratore onnisciente sembra essere in grado di dirci tutto di questi personaggi, come se ognuno di essi possedesse una qualche caratteristica nascosta che ha giurato a se stesso di non rivelare ad anima viva… ed è proprio questo che li rende, a mio parere, tutti estremamente reali.
A questo proposito, la mia preferenza va a Cordelia, l’unica femmina della banda: spesso la storia si interrompe per dare spazio a brevi flash-back che raccontano il suo passato tormentato… frammenti di vita che me l’hanno fatta sentire istintivamente vicina. Ma ciò che più ho apprezzato di lei è stato il suo desiderio, che si protrae per tutta la vicenda, di capire quale sia la cosa più giusta da fare. Prima la vediamo a fianco di Nathaniel e degli altri, poi dalla parte di Alessia, poi di nuovo con Vincent… e alla fine, bè, quella per cui mi è dispiaciuto maggiormente che sia finita così è stata senz’altro lei.
Poi c’è Alessia, la piccola equilibrista dai mille segreti. Per lei la domanda che mi sorge spontanea è tuttora una sola: chi diavolo sei e cosa ti frulla per quella tua perfida testolina di sedicenne?
Ritengo di conoscere abbastanza bene le ragazze della mia età che mi circondano, ma sebbene sia esattamente mia coetanea, la nostra protagonista è ancora adesso un completo mistero, che ruota attorno a un unico interrogativo: chi è Alessia? Una dea, una fata, una strega, una pazza sadica, una genietta del male? Se non avete paura che cercare di scoprirlo possa rivelare spiacevoli sorprese, non vi resta che leggere.

Due ultime impressioni degne di nota. La prima è la scelta di inserire, ogni tanto, i pensieri dei protagonisti come un discorso diretto, ma non introdotti dalle virgolette, bensì scritti semplicemente in corsivo. Un esempio è il seguente:

Voleva che lui la sentisse, ma al contempo sperava di non essere sentita da nessuno. Poteva esserci
uno stupratore
chiunque in quel bosco.

Spesso, come vedete, si trovano pensieri del genere riferiti direttamente, cosa che, a mio parere, li rende molto più realistici e dinamici. Qualcuno potrebbe obbiettare: “E la maiuscola a inizio frase dove la metti?”. Sono d’accordo, ma in questo caso penso che una trovata simile possa giustificare anche quello che, in altre circostanze, sarebbe un errore.
La seconda è… quante volte, guardando un film, avete creduto che il proiettile sparato dal killer avesse colpito il personaggio “buono”, per poi scoprire che in realtà a sparare e a colpire il “cattivo” era stato un alleato del buono? A me è successo tante volte, sia nei film che, in misura minore, nei libri, ma ciononostante continuo come sempre a cascarci e a reputare geniale un’idea del genere. Sarò pure all’antica, ma non posso farci niente 🙂

Nonostante tutto questo, però, non gli darei cinque stelle piene (anche se ci va molto vicino), perché il finale, seppur azzeccatissimo e imprevedibile fino all’ultimo, mi ha lasciata un po’… così. Forse scivola via troppo velocemente, forse la scoperta di cosa si nasconde dietro al comportamento di Alessia mi ha fatta rimanere talmente basita e orripilata che gli istinti omicidi nei confronti di *qualcuno* hanno preso il sopravvento e fatto sfumare un poco il piacere…
Però rimane, secondo me, un libro da non lasciarsi scappare assolutamente, di quelli che non capitano certo tutti i giorni.

Solo un’ultima raccomandazione: se mai, nella vita, vi capitasse di incontrare persone come Alessia, il mio consiglio è quello di scappare a gambe levate il più lontano possibile. Non si sa mai cosa potrebbe capitare se ciò non accadesse, o peggio, se si continuasse a infastidirle come hanno fatto gli incauti protagonisti di questo romanzo!

*       *       *

Sì, un soggetto davvero interessante. Una ragazzina del genere farà accorrere al Circo centinaia di persone!
Alzò la pesante cornetta del telefono, poi compose lentamente un numero a dieci cifre.
«Prepara l’auto, partiamo domani. Sì, sì. Io, Toretto, Vincent e Cordelia. Esatto, Io, Toretto, Vincent e Cordelia. Esatto, proprio loro due. Chiamami Vincent e passamelo su questo telefono; per Cordelia lascio fare a te, c’è da discutere col suo agente e io non ne ho assolutamente voglia. È un comune di montagna, ehm… Fasterna. D’accordo allora, appena sai per la ragazza aggiornami.»
Riappese, quindi si abbandonò nella sua comoda poltrona. Chiuse gli occhi, e fantasticò sugli incassi dei mesi a venire.
Alessia, la Piccola Equilibrista…

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Ossimoro ha detto:

    Lo contatto subitissimo per un bello scambio: questo promette benissimo anche per me che non sono una grande patita del genere.
    Non c’entra niente, ma domani mi laureo specialistica, pensatemi tanto 🙂

  2. Stefano Vignati ha detto:

    Ciao Marta!
    Innanzitutto ti ringrazio per le splendide parole che hai speso sul romanzo: ti confesso che aspettavo la tua recensione con fremente curiosità e, appena ieri l’ho vista pubblicata, mi sono fiondato a leggerla dimenticando tutto il resto!
    Mi fa davvero piacere di averti intrattenuta con queste pagine, e puoi immaginare la soddisfazione che ho provato nel leggere la tua opinione entusiasta. Anzi, spesso mi son chiesto se meritassi davvero certi complimenti!
    Quindi, grazie ancora per queste parole, e… ti svelo una cosa: per quanto quello che hai letto sia sempre stato il finale da me prescelto per il romanzo, in realtà il primo finale che ho scritto, forse solo per gioco, è stato un altro, opposto a questo. 🙂
    Mi segno anche il tuo appunto: in effetti avevo temuto anch’io che il finale risultasse troppo “denso” di avvenimenti in stretta sequenza. 😉

    @Ossimoro: noi ci siamo già visti su “altri lidi” del web 😉 e ti mando un (forse tardo) in bocca al lupo!

  3. Luccs ha detto:

    complimenti stefano, anche io sono rimasto molto molto incuriosito dalla tua opera….!

    • Stefano Vignati ha detto:

      Scusa Luccs, il tuo messaggio mi era sfuggito!
      Grazie davvero per i complimenti, mi fa molto piacere destare questa curiosità: se ti interessasse leggerlo, ti consiglio di informarti sul “Day del Book” di Zerounoundici edizioni! 😉

  1. luglio 24, 2012

    […] la recensione di Marta Pancaldi, che ammetto di aver atteso con fremente curiosità, sul suo blog, Pensieri d’Inchiostro: e la ringrazio, prima ancora che per quanto scritto sul romanzo, per la splendida iniziativa che […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti