[Segnalazione] La profezia del lupo

Quando mi reco in libreria per esplorare gli scaffali alla ricerca di un qualche libro interessante da aggiungere alla mia personale (e lunga) Lista dei desideri, il più delle volte esco a mani vuote e profondamente delusa, dato che la nientezza più estrema sembra regnare sovrana tra le quarte di copertina che mi cadono sott’occhio. Ogni tanto, però, mi capita di imbattermi in romanzi che sembrano stati scritti apposta per finire tra le avide zampine della sottoscritta… e quando dico questo, intendo sia nel bene che nel male.
Anche qui, però, dipende dai punti di vista: il libro di cui vorrei parlarvi oggi di per sé entrerebbe nella categoria del “male”… ma volete mettere la soddisfazione da parte mia nell’assaporare la prospettiva di una nuova e alquanto succulenta recensione? 🙂
Ecco a voi, dunque, il bottino della mia ricerca. Fate un bell’applauso per…

La Profezia del Lupo – L’eredità dell’ombra

di Marilù Monda 

Titolo originale: Crossroads of Destiny
Genere: fantasy
Editore: Piemme
Collana: Freeway
Pagine: 382
Data di pubblicazione: 29 maggio 2012
Prezzo: €14,90
Formato: rilegato con sovraccoperta
ISBN: 9788856620535
Traduttore: Roberta Marasco

  
 

LA TRAMA – Il cielo è un’oscurità impenetrabile, i corvi e le cornacchie lanciano le loro stridule grida, nubi di pipistrelli riempiono l’aria: sono tutti presagi di guerra e morte perché il Clan dell’Ombra ha conquistato il mondo, seminando caos e distruzione. La salvezza è nascosta fra le righe di una profezia, che allude a quattro Prescelti che non potrebbero essere più diversi. Faloan, l’irruente principe del regno dell’Acqua. Aidan, la malinconica principessa del regno del Fuoco. Derry, un semplice contadino del regno della Terra. E Kyla, una pastorella ribelle del regno dell’Aria. I quattro ragazzi, che tengono tra le mani il destino del mondo, hanno una sola certezza: trovare la Creatura dagli Occhi Verdi, un misterioso guerriero che li accompagnerà nella loro impresa.

L’AUTRICE – Marilù Monda, detta Missi, è nata in Italia, ma ora è residente a New York. È una lettrice eclettica e una ricercatrice nata; ha diciannove anni, è studentessa universitaria e si sta specializzando in filosofia. Ha iniziato questa saga quando aveva solo diciassette anni, ma scrive da quando era piccola e ha pubblicato articoli e poesie. I suoi autori preferiti sono C.S. Lewis, J.R.R.Tolkien, Vladimir Nabokov, Stephen King e Philip Roth; ma è Edgar Allan Poe ad aver influenzato fondamentalmente la sua scrittura.

BOOKTRAILER

DICONO DI LEI E DEL LIBRO…

«Marilù Monda è un’autrice molto promettente. Ha una vivida immaginazione, gusto per il fantastico, passione per il lato oscuro della vita. Leggete e tremate!» (Patrick McGrath)

 «In un universo di foreste incantate, dove i lupi parlano, i druidi compiono riti antichi e i misteriosi Sidhe vivono per sempre, quattro giovani si uniscono, legati da una profezia e presto dall’amicizia e dall’amore. Provenienti da parti diverse di un mondo lacerato dalla guerra, i quattro eroi – la leggiadra Aidan, il bellissimo Faloan, l’esuberante Kyla e il riflessivo Derry – si imbarcheranno in uno straordinario viaggio di ricerca. Ispirata dalla mitologia celtica e dalla scrittura di Edgar Allan Poe, Marilù Monda ha creato un nuovo mondo fantastico dove, nella migliore tradizione del genere, la lotta tra Bene e Male è di proporzioni epiche, eppure le preoccupazioni e i conflitti dei quattro giovani eroi rimangono genuinamente umane.»  (Colum McCann)

«Marilù Monda è una scintillante novità del mondo letterario. È giovane, davvero giovane, e incredibilmente talentuosa. Qui evoca con ricchezza di particolari un mondo così profondamente vivo, colorato e appassionante per le sue implicazioni morali da far venir voglia di trovarsi una poltrona tranquilla e affondarci dentro, sotto l’incantesimo permanente dei suoi demoni e delle sue creature luminose.» (Lila Azam Langaneh)

COSA DICE IL FIUTO DELLA TOPOLINA…

La prima cosa che mi ha fatto fremere i baffi è stata senz’altro la copertina (cliccate per ingrandirla). Conoscendo alcune delle precedenti copertine della Piemme Freeway i cui rispettivi libri si sono rivelati dei fiaschi (come appunto la suddetta “Scacchiera nera”) e spesso delle vere e proprie perle rare di fantatrash, oserei dire che anche La profezia del lupo prometta assai bene.
Tanto per cominciare, alzi la mano chi ad un primo sguardo non ha pensato che la figura in copertina fosse di una ragazza (e per giunta di una ragazza i cui tratti mi ricordano vagamente quelli di un bambolotto). Be’, come avete invece letto nella trama, si tratta purtroppo di un guerriero, ovvero di un maschio… Ma certamente! 🙂
Avrete sicuramente fatto caso, inoltre, al numero esagerato di stereotipi del fantasy presenti nella quarta di copertina, a partire dal “clan dell’ombra”, dalla profezia e dai prescelti, il tutto – naturalmente – alla faccia dell’originalità.
Da non dimenticare, poi, il booktrailer molto Unika-style e soprattutto il goloso estratto (linkato sopra) che comprende la prefazione, il prologo, il primo e il decimo capitolo.
Ammetto di non averlo letto tutto, perché a giudicare dal fenomenale incipit copiato pari pari ispirato a quella ciofeca quel delizioso libro intitolato Eragon:

Il vento ululava e lanciava le sue gelide urla nel cielo cupo di Eriu.

dal gustoso infodump presente già alla settima riga di testo:

Il fiume formava un delta all’imboccatura della valle, dividendola in due. Da qui il nome, Glendalough. La valle dei Due Fiumi.

e alle schifezze varie che riempiono solo la prima pagina:

Era un posto misterioso. Un posto bellissimo. […] Boschi fantastici, di una bellezza sfarzosa, ma sfuggenti e ambigui.

… non sembra proprio quel genere di libro adatto ai lettori dallo stomaco debole.

Eh sì, era proprio un fantastico bosco di una bellezza sfarzosa…

Comunque non temete: appena riuscirò a scaricare l’ebook piratato a trovare il libro disponibile in biblioteca, mi armerò di coraggio e di santa pazienza e leggerò questo libro per voi, se non altro per risparmiarvi la tortura. Scrivendo poi una bella recensione, naturalmente!

Allora, che ne dite? Non è forse sopraffino il fiuto della Topolina nello scovare bei romanzi? 😉

Come prevedo finirà questa storia…

PS: quasi quasi mi dimenticavo. Sì, avete indovinato: purtroppo si tratta dell’ennesima trilogia, il cui secondo volume arriverà già questo settembre.
Ne vedremo delle belle, a quel punto, oh se ne vedremo!

Potrebbero interessarti anche...

28 Risposte

  1. Lavoisier ha detto:

    mi sto già sfregando le mani…..

  2. Jayla ha detto:

    Aspetto questa recensione allora 😀

    (No, sul serio. Quello sarebbe un ragazzo…?)

  3. Ossimoro ha detto:

    Attendo con ansia la tua recensione (diciamo che va al secondo posto dopo quella di tu-sai-cosa!) Se questo libro si rivelerà veramente una ciofeca non mi stupirò! Tuttavia…mi crolla il mito di McGrath! Da quando i serissimi autori della migliore letteratura generalista si mettono a patrocinare fantaschifezze scritte da babyscrittori?
    Sarebbe come se Paul McCartney consigliasse di ascoltare Justin Bieber!!!
    Oddio…forse ho trovato la risposta alla mia precendente domanda. Leggete qua:
    http://rivistapop.wordpress.com/2012/06/06/marilu-monda-e-gli-amici-di-papa/

  4. Fr@ ha detto:

    Dopo aver visto il booktrailer ho inevitabilmente cliccato su quello di Unika, che non avevo mai visto..e sarebbe stato meglio, oh mio dio!
    Riguardo alla copertina..a prima vista sembra ovviamente una ragazza,però..vedete vestitini succinti, pardon, armature che lasciano scoperto metà del corpo? Mmm allora forse potrebbe essere un maschio XD
    Comunque chi lo sa, il misterioso guerriero potrebbe rivelarsi una donzella a cui finalmente qualcuno ha deciso di far indossare un abbigliamento quantomeno comodo per pestare i cattivi ^^

  5. Lina ha detto:

    Non leggerò il libro, troppi stereotipi!
    Il protagonista, ovviamente, come ogni romanzo maschilista, sarà un guerriero UOMO impavido e coraggioso, che conquisterà la mano di una noiosa fanciulla sempre triste, che spreca 8 pacchi di fazzoletti al giorno…
    Poi è un libro fantasy…neanche il genere cambia più di tanto…ormai il fantasy sta diventando, purtroppo, a quanto vedo, il preferito dei
    baby-scrittori senza fantasia, che copiano qua e là dagli altri romanzi.
    Sugli scaffali trovo più trash fantasy che altri genere di libri.

  6. Okay, adesso urge una seria seduta psicologica per riprendermi da un tale trauma. Quella, cioè, quello è un ragazzo? Che sia un tentativo di illudere le ragazze, come Lina qui sopra, speranzose di tuffarsi in un romanzo con protagonista una ragazza, per una volta tanto, capace di difendersi da sola? I misteri dell’editoria °-°. Sono l’unico che, dopo aver saputa la sconcertante verità, ha pensato a Giovanna d’Arco?

    Mi chiedevo, se Marilù abbia scritto il romanzo in inglese, per poi spedirlo alla Piemme. O, magari, non vive nella Grande Mela da così tanto e l’italiano, in fondo, non l’ha scordato.

    • topolinamarta ha detto:

      Mah, il mistero è fitto, ti dirò: ho fatto delle ricerche e proprio non sono riuscita a trovare il volume scritto in lingua originale. Cioè, se cerco un libro per esempio su Amazon, di solito riesco a trovare anche la versione in lingua originale, e invece qui niente… Però sapendo che Papà Monda è un giornalista che ha già pubblicato libri, non mi stupirebbe se la figliuola avesse ricevuto una “spintarella”, sai com’è ^^

  7. Fr@ ha detto:

    Comunque “guerriero” è al maschile generico per indicare una persona che ancora non si conosce..potrebbe davvero essere una ragazza eh, in fondo cosa ne sappiamo 🙂 Certo se poi è veramente un maschio allora, ehm, bella copertina davvero 😀 non ho nessuna intenzione di leggere il libro, ma adesso sono curiosa di sapere se è un lui o una lei tanto per soddisfazione personale.

  8. ladytomby ha detto:

    Devo dire che mi sembra forte 😉 ti dirò anche che ho aperto l’articolo aspettandomi un altro romanzo, ovvero questo (che ho letto) http://www.bookweb.it/libro/gear-kathleen/la-profezia-del-lupo/9788838478574.html
    Sempre profezia del lupo è 😛 è un caso di omonimia, eheh! Mi sa che lo aggiungo alla mia luuuuuunga lista dei desideri e, se condividerai con noi i tuoi pareri dopo averlo letto, deciderò se acquistarlo ^_^

  9. PaccoChica ha detto:

    Grazie Ossimoro, pensavo davvero che una casa editrice italiana avesse deciso di pubblicare un libro scritto da un’esordiente mai sentita nominare prima; fortuna che mi hai fatto vedere quanto mi sbagliavo 😛

    • Ossimoro ha detto:

      Bah, PaccoChica, non è così inusuale che capiti: l’editoria è pur sempre un’industria e in quanto tale non aspetta raccomandati, ma punta a fare soldi. La Troisi era una ventenne sconosciuta mai vista nè sentita: hanno puntato su di lei e sono stati degnamente ripagati del loro investimento (senza entrare nel merito della qualità, intendiamoci) e ci hanno fatto un sacco di soldi. Bisogna avere la fortuna di arrivare nel posto giusto al momento giusto.

      • topolinamarta ha detto:

        Il punto, infatti, è che, sia che si parli di raccomandati che no, alla fine è quasi sempre la qualità che ci rimette. Nel caso di autori raccomandati, è matematicamente certo che il libro faccia schifo, e se si parla di romanzi come il qui presente “La profezia del lupo” è altrettanto chiaro che questa faccenda del voler far soldi funziona solo fino a un certo punto, ovvero finché l’acquirente medio è un pollo 🙂

  10. Lina ha detto:

    Una ragazza lupo? Certo che il libro davvero di originalità…sapete se ci saranno anche dei vampiri bellissimi? O qualche magico stregone?

  11. profgemelli ha detto:

    Ma non capisco! E’ lo stesso editore dell’altro libro con lo stesso titolo! Perchè mai un editore deve pubblicare un nuovo libro omonimo di un altro che ha ancora in catalogo? Non potevano cambiare il titolo? Bah!

  12. Linda ha detto:

    Bene! L’ho preso da poco perchè voglio rovinarmi. XD Chiamatemi scema, ma mi attirano di più i libri con recensioni o pareri negativi, giusto per vedere in che cosa sono sbagliati e perchè.
    Sono anche io un’aspirante scrittrice e oltre che dai miei errori voglio imparare da quelli degli altri. u.u
    In ogni caso, non vedo l’ora di leggere la tua recensione! 😀

  13. Fede Rico ha detto:

    Vi informo già che il libro è ZEPPO di deus ex machina e di svariati altri errori… L’unica cosa sfarzosa, anzi BAROCCA, è l’oceano di aggettivi che massacra tutto senza pietà… Ma non voglio rovinarvi la lettura XD

  14. Letto quasi tutto, a spizzichi e bocconi, nel reparto libri di un ipermercato in più sessioni di lettura (ah forse non si fa). Dopo un iniziale senso di dejavu ho notato come la trama si discostasse decisamente da quella di un altro libro che era stato inviato nel 2008 alla stessa casa editrice…
    Merita decisamente la lezione di geografia inserita poco dopo l’inizio nella quale si descrivono i confini del regno di Fuoco (se non ricordo male l’Anglia corrispondente all’attuale Inghilterra), le materie prime e come si dividono le persone tra i settori primario, secondario e… beh il terziario all’epoca ancora non esisteva.

  15. Hera ha detto:

    Io ho letto Unika e… me ne son pentita quasi subito. Comunque, in libreria le fatiche letterarie di Allibis riepiono gli scaffali. Leggendo questo post mi ha fatto piacere sapere che non sono la sola a essermi accorta che Eragon non è poi tutt ‘sto granché di libro.
    Ciao

  1. agosto 18, 2013

    […] avevo parlato un buon annetto fa, e finalmente sono riuscita a leggere i due titoli che finora compongono la saga […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti