[Recensione] L’eredità

Intanto che la pioggia continua a cadere inesorabile (ed è già tanto che non sia neve, con il freddo che fa!), la vostra Topolina è ancora alle prese con una recensione del progetto. Buona lettura, come sempre, e spero che vi piaccia!

Titolo: L’eredità
Autore: Jury Livorati
Generi: thriller, noir, young adult, dark fantasy
Editore: 0111
Collana: LaBlu
Pagine: 260
Anno di pubblicazione: 2012
Prezzo: €16,00 (eBook €10,64)
ISBN: 9788863074543
Formato: brossura, eBook (ePub, PDF)
Valutazione:
Grazie all’autore per avermi inviato il libro in formato eBook.

sito editore sito dell'autore  ibs
amazon facebook youtube ebook

RIASSUNTO – La morte di Simona in un tragico incidente, nell’estate del 2006, sembra non avere altra spiegazione che una banale distrazione alla guida. Ma suo marito Roberto non ne è del tutto convinto. Dopo un terribile sogno e una strana telefonata, i suoi sospetti trovano un seguito. Si farà infatti viva Erika, una vecchia amica della vittima, che dichiara di essere a conoscenza di un suo importante segreto. In realtà Erika è al corrente della minima parte di una terribile verità che affonda le sue radici nel 1400, in un villaggio del modenese sconvolto dalla messa al rogo di una donna accusata di essere una strega. Grazie a un’ultima testimonianza che Simona aveva lasciato temendo proprio di essere uccisa, e che Roberto ritrova con l’aiuto di Erika, sua figlia Cristina scopre tutti i particolari di un assurdo destino, l’eredità che dal passato è arrivata fino a lei e che minaccia di distruggerla. Ma, come sua madre, anche lei sceglierà la via della ribellione.

livoratiL’AUTORE – Jury Livorati è nato a Viadana nel 1985 e risiede a Cicognara (MN). Sposato e con due figli, si è laureato nel 2009 in Biologia Molecolare presso l’Università degli Studi di Parma. In precedenza ha pubblicato la raccolta di racconti “Paura, Paranoia, Pazzia” tramite il print on demand Lulu.com ed il romanzo “M@rcello” con Boopen Editore. Con quest’ultimo, pur non essendo supportato da un sistema di distribuzione nelle librerie, ha venduto sinora 60 copie, grazie al passaparola e ai social-network. Dal punto di vista della produzione scritta, ha una predilezione per il genere horror-mistery, ma si addentra in altri campi, come la narrativa, il romanzo d’amore (di prossima realizzazione) e recentemente il fantasy (“Manderley”, in fase di completamento), oltre ad aver composto svariate poesie tra il 1999 ed il 2003.

*       *       *

RECENSIONE

Un’idea che aveva senz’altro un ottimo potenziale, ma che, come purtroppo accade spesso, non è stata sfruttata al meglio: questo ho pensato dopo aver concluso L’eredità, romanzo del giovane scrittore Jury Livorati.
Per dirla tutta, in realtà, la trama mi è piaciuta abbastanza: non mi ha colpito per la sua originalità, ma per il modo in cui l’autore ha deciso di strutturarla. Durante la lettura, infatti, ho incontrato spesso delle scene o dei passaggi che suscitassero un vago senso di déjà vu (ad esempio, la scena ambientata nel Medioevo… quante, ma dico quante volte si è vista praticamente tale e quale?), ma d’altro canto i colpi di scena che rendono la storia assai intrigante sono tutt’altro che rari.

È stato lo stile, piuttosto, che mi ha lasciata perplessa e che, ahimè, ha contribuito a far perdere qualche punto anche alla trama: l’ho trovato pomposo, ridondante, zeppo di aggettivi e avverbi che non solo non vi aggiungono niente, ma rendono le descrizioni assai pesanti e ripetitive, oltre che con la tendenza a voler ribadire l’ovvio.
Tanto per fare un esempio, apro una pagina a caso e trovo scritto:

Roberto annuì con un gesto del capo. (pag. 10)

Come se non fosse ovvio, appunto. E di passi come quello che vi ho citato se ne trovano davvero a bizzeffe.
Con questo non sto dicendo che sia scritto male, perché a mio parere non è vero, ma ciò non toglie che una qualche tagliuzzata qua e là l’avrebbe di certo reso più leggibile e meno inutilmente prolisso.

Poi ci sono i cambi di PoV, anche questi piuttosto frequenti, di cui l’autore si serve per saltellare da un personaggio all’altro per riferirci i pensieri di ciascuno come più gli aggrada.

Un esempio calzante, che credo possa rendere l’idea del fastidio che ho provato, è questo: a un certo punto Roberto ha un colloquio col dottore che ha accertato la morte della moglie, e all’interno della scena il punto di vista cambia di continuo, tanto che a un certo punto il dottore si ritrova persino a riflettere sul suo passato, su quando era giovane e non pensava alle responsabilità che avrebbe implicato il diventare medico. Anzi, in questo caso credo che mantenere saldo il PoV di Roberto sarebbe stato assai più efficace, dato che si ritrova in un ambiente che gli appare molto ostile: evitare di fornire i pensieri del dottore, secondo me, avrebbe accentuato l’idea di smarrimento dovuta alla  tragica fine di Simona, perché niente può più terribile, in una circostanza tale, come trovarsi davanti un medico freddo che pensa solo al suo mestiere.
Questo secondo il mio modesto parere, naturalmente. Ho trovato, in ogni caso, diverse scene in cui una migliore gestione del PoV non avrebbe certo fatto male.

Un’altra cosa che non ho del tutto gradito sono stati i flashback.
L’intera storia è un continuo saltare avanti e indietro tra presente e passato, e ovviamente questo non è di per sé un male. Anzi, il fatto che fin dal prologo vengano narrati episodi che non si sono ancora verificati ha reso, a mio giudizio, l’intreccio davvero avvincente: in parecchie occasioni ciò si rivela fondamentale, dato che la vicenda è un continuo rincorrersi di domande, segreti ed eventi inspiegabili, di cui poi il finale fornirà la soluzione.
Come dico spesso, però, anche un tecnica narrativa molto interessante come lo sono i flashback rischia di ritorcersi contro chi scrive, creando dei “fastidiosi effetti indesiderati”: nel caso de L’eredità, secondo me, di flashback ce ne sono veramente tanti, forse troppi. Il risultato è che a lungo andare questi salti tra presente e passato diventano pesanti e monotoni, senza contare che dopo l’ennesimo cambio d’epoca ho rischiato persino di perdermi. Insomma, credo che per tutte le cose esista una misura, e pare che qui, purtroppo, l’autore sia andato un po’ troppo oltre il limite.

A parte una qualche altra piccola nota stonata (una di queste è già stata messa in evidenza in altri luoghi, ma mi permetto di ribadirla: credo lo sappiano anche i bambini in fasce che la tecnica del coito interrotto non è il massimo se si vuole evitare di rimanere incinte), comunque, mi è piaciuto abbastanza: per quanto lo stile suoni ridondante, la storia non ne soffre in modo preoccupante, e nonostante tutto rimane ben strutturata e ricca di spunti.
L’autore ha ancora della strada da fare, senza dubbio, ma per quanto mi riguarda non è lontano dall’obbiettivo: come dicevo all’inizio, ha scovato un’idea con del potenziale, che già di per sé è una cosa di tutto rispetto. Occorre solo limare ancora un po’ lo stile.

*        *       *

In sintesi…
Trama abbastanza originale con un
buon potenziale…
… che però non è stato sfruttato al
meglio.
Colpi di scena e suspense, storia ben
strutturata.
Stile ridondante con molti aggettivi
e avverbi.
Spesso i flashback riescono a tenere
viva la tensione…
… ma alla lunga diventano ripetitivi
e a tratti confusionari.
Cambi di PoV e altri piccoli difetti.

*        *       *

Una frase significativa…

«Roberto? È lei? È tutto bene?» chiese Olga, che improvvisamente si era preoccupata. «Pronto?»
Isa corrugò la fronte a quelle parole. Mosse le labbra come per parlare, ma non uscì nulla dalla sua bocca. Solo una lacrima solitaria scivolò dall’angolo dell’occhio destro lungo la guancia bianca e rugosa. Isa strinse gli occhi come per fermarla ma ormai era troppo tardi. Era troppo tardi per tutto, a quanto pareva.
«Come?» continuava Olga. «O santo Dio, mi dispiacere. Io adesso dico a signora.»
Isa tornò a guardare davanti a sé. Abbassò lo sguardo e mosse ancora le labbra. «Gliel’avevo detto» bisbigliò. E quelle furono tra le ultime parole che pronunciò per il resto dei suoi giorni.
«Sì, con calma. No, io sa che lei è fragile. Come? Ah, sì, è bene. Lei sia tranquillo, Roberto. Mi dispiacere. Ciao.» E così Olga riattaccò. Si sentiva debole, ferita e spaventata. Non si sarebbe mai aspettata una tragedia simile e non sapeva se sarebbe stata in grado di dare la notizia alla signora senza causarle dei traumi, come aveva promesso a Roberto. E nel fondo del suo inconscio una parte di lei, più cinica, si domandava se adesso avrebbe perso il lavoro.
«Signora?» chiamò, avvicinandosi alla poltrona. «Ha tilefonato Roberto» cominciò.
Ma Isa aveva già capito.

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Jury Livorati ha detto:

    Finalmente. Sono molto contento, direi entusiasta, e uno vedendo un 2 e mezzo su 5 potrebbe chiedersi perchè. Ebbene, in questi mesi, da quando ti ho inviato il romanzo a oggi, ho avuto modo di leggere e rileggere le recensioni che fai. Sapevo benissimo, di conseguenza, quali sarebbero stati i difetti che avresti trovato nel mio romanzo, e che io stesso, a posteriori e dopo molte osservazioni in tal senso, riconosco come tali.
    Un due e mezzo quindi mi rende più che soddisfatto, perchè riesce da un lato a darmi la carica derivante dai punti positivi che hai sottolineato, e dall’altra a indicarmi i margini di miglioramento che voglio perseguire. Sin dalla prima presentazione del libro ho chiesto anche ad amici e parenti di comunicarmi soprattutto i difetti dell’opera, perchè solo quelli aiutano a fare autocritica e a crescere dal punto di vista letterario.
    Sappi poi che ho da poco inviato alla casa editrice il manoscritto del mio nuovo romanzo e che l’ultima, accurata revisione è stata portata avanti tenendo ben a mente molte delle osservazioni che spesso fai ai romanzi. Ovviamente, se ti andrà, sarai tu a giudicare quanto bene sono riuscito nel mio lavoro di levigatura…
    Grazie ancora, infine, per avermi indotto con le tue recensioni a comprare i romanzi di due “colleghi” che sto apprezzando non poco. Chissà che qualcuno qui sul blog non provi a dare anche a me una possibilità…
    PS: tutti questi grazie non te li ho mai detti prima perchè non volevo rischiare di apparire ruffiano prima della recensione… 😉

    • topolinamarta ha detto:

      Puoi ben dire finalmente! Preferisco non ricordarmi di quanto me l’hai inviato di preciso, ma so per certo che è stato un bel po’ prima della fine dell’anno… come al solito sono in ritardo, mannaggia! >.<
      Ad ogni modo, apprezzo sempre gli autori che hanno sempre voglia di migliorare, perciò sono davvero felice che il mio parere ti sia stato d'aiuto, e naturalmente spero che lo sarà anche in futuro! Sarà certamente un piacere leggere anche le tue prossime creazioni, perciò a risentirci al più presto!
      Nel frattempo, ti faccio i migliori auguri per la tua carriera scrittevole! 😉

  2. Luca ha detto:

    che bello leggere tanta umiltà in un autore esordiente! complimenti Jury e in bocca al lupo per il nuovo manoscritto!

  1. aprile 3, 2013

    […] A parte una qualche altra piccola nota stonata, comunque, mi è piaciuto abbastanza: per quanto lo stile suoni ridondante, la storia non ne soffre in modo preoccupante, e nonostante tutto rimane ben strutturata e ricca di spunti. (Recensione completa qui.) […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti