Libreschi pensieri – 13

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza fu quella di colui
che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che son nell’Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati
né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con qual facilità? Con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta.

books

 

[Galileo Galilei, Discorso sui due massimi sistemi del mondo]

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. Florio ha detto:

    be’ veramente i primi ad utilizzare la scrittura lo fecero per il commercio… basandosi sui numeri elaborarono il linguaggio parlato…

  2. Florio ha detto:

    Marta, Elsio parlava con me.
    Io intendevo (riguardo all’articolo) che in effetti c’era poco di romantico agli albori della narrativa (diciamo scrittura va’) in quanto nata per scopi commerciali e “prammatici” basati più sullo specificare pesi e misure piuttosto che descrivere emozioni e sentimenti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti